Indietro

M5S torna a parlare del caso Chimet

Deputata M5S Chiara Gagnarli

L'azienda di recupero e affinazione dei metalli preziosi da rifiuti speciali pericolosi e non, è oggetto di una interrogazione della deputata Gagnarli

CIVITELLA VALDICHIANA — La deputata M5S Gagnarli ha annunciato il deposito in parlamento e di un’interrogazione in Regione Toscana da parte dei consiglieri pentastellati.

"L’impianto di Badia al Pino – denuncia la portavoce alla Camera Gagnarli - è ad un passo dall’ottenere l’autorizzazione relativa alla Valutazione di impatto ambientale del progetto di ampliamento, tanto osteggiato dai cittadini. Dopo aver già evidenziato con una prima interrogazione che il Consiglio dei Ministri di venerdì 9 giugno ha approvato un Decreto Legislativo di attuazione della direttiva 2014/52/UE di modifica dell’attuale disciplina della Valutazione di incidenza ambientale, l’autorizzazione a cui sono sottoposte le attività produttive impattanti, con l’obiettivo di efficientare la procedura e concedere un ampliamento della partecipazione pubblica dei residenti nelle zone interessate, mediante il potenziamento dell’Istituto di inchiesta pubblica" - ha dichiarato la portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera.

"Fondamentale e opportuno quindi ottimizzare la normativa sull’impatto cumulativo di più impianti, in modo da evitare concessioni in aree già impattate, dando peso all’istituto del Dibattito Pubblico, già previsto dalla Legge regionale 46/2013, come tra l’altro era stato chiesto sul progetto Chimet dal Comitato Salute e Ambiente di Civitella, insieme a 4.652 cittadini cofirmatari, ed inspiegabilmente respinto" - ha dichiarato Gagnarli.

"Adesso, chiediamo conto al Ministro dell’Ambiente, costituitosi parte civile nel processo per disastro ambientale contro la Chimet, su quali azioni intenda intraprendere per il risarcimento del danno ambientale, nelle more dell’esito del giudizio civile. Sappiamo – prosegue la deputata m5s – che la competenza per il rilascio della VIA è in mano agli uffici regionali, che infatti verranno interpellati a loro volta, ma tuttavia, visto l’esito del processo penale, andato in fumo a causa della prescrizione, ci sembra doveroso chiedere al Ministro di intervenire per disincentivare l’opera di ampliamento viste le evidenti criticità di carattere epidemiologico, sanitario ed ambientale a cui è sottoposta tutta l’area".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it