Indietro

Leopoldine, una risorsa per i giovani imprenditori

Molte strutture sono oramai dei ruderi, ma potranno essere recuperate per realizzare imprese e residenze agricole, agriturismi oppure uffici

FIRENZE — La Giunta regionale toscana ha approvato una delibera con cui si invia al Consiglio la proposta di adozione del Progetto di paesaggio ‘Leopoldine della Val di Chiana', voluto dalla Regione Toscana per salvare dal degrado i manufatti che caratterizzano buona parte del paesaggio rurale tra Arezzo e Siena (vedere negli articoli collegati). Anche Chiusi ha avviato il percorso per entrare a far parte del gruppo dei comuni interessati.

"La tutela e valorizzazione delle Leopoldine rientra a pieno titolo nelle possibilità offerte dal Progetto di paesaggio, contenute nel PIT con valenza di Piano Paesaggistico regionale del 2015 - ha spiegato l'assessore all'urbanistica Vincenzo Ceccarelli - I Progetti di paesaggio sono stati pensati per valorizzare i caratteri identitari delle varie aree e dunque possibile gestire in maniera omogenea dal punto di vista urbanistico 'i caratteri identitari del paesaggio agrario della bonifica leopoldina che si estende attorno al Canale Maestro della Chiana' e, in particolare, il territorio delle bonifiche, il paesaggio agrario, le Leopoldine ed i loro annessi".

Accanto alla funzione agricola multifunzionalità, agriturismo, residenze agricole per i giovani imprenditori, saranno ammesse quella residenziale, le attività e i servizi legati alla promozione del territorio, le attività legate al settore terziario come servizi ed uffici, le funzioni turistico-ricettive e l'edilizia sociale. Saranno garantite omogenee modalità di approccio al recupero degli edifici presenti nei vari strumenti urbanistici comunali; saranno differenziati i tipi di intervento consentiti sugli edifici in funzione del valore storico-testimoniale; saranno semplificati i procedimenti necessari per ottenere permessi e saranno e saranno introdotte indicazioni progettuali per le aree di pertinenza. Sarà creata una banca dati, con una schedatura degli edifici di valore, da verificare, implementare e aggiornare nel tempo

Grazie ad uno studio realizzato dal Comune di Cortona nel 2017, è emerso che: "Circa la metà delle Leopoldine censite oggi è in ottimo/buono stato, mentre l'altra metà versa in mediocri/pessime condizioni. Tra queste circa il 20% è un rudere. Nel 70% dei casi la forma originale è rimasta inalterata, mentre nel 15% ha subito modifiche. Circa il 45% delle Leopoldine è utilizzato mentre, circa il 40% non è utilizzato. Prevale uso residenziale (35%) e agricolo (30%). Da segnalare un 10% di utilizzo per fini ricettivo-ricreativi. Circa l'80% delle Leopoldine si trova in zona agricola, mentre poco più del 10% è in zona residenziale o in centro storico. Circa il 65% delle Leopoldine sono di proprietà di persone fisiche, il 20% appartiene ad aziende agricole. Nel 90% dei casi si tratta di singoli proprietari, mentre nel 10% la proprietà è frazionata".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it