Indietro

Il Comune scommette sul telelavoro

Approvato il regolamento del telelavoro, una forma di lavoro flessibile dal punto di vista organizzativo, intellettuale ed economicamente sostenibile

MONTEPULCIANO — Con il telelavoro alcuni dipendenti possono avere la possibilità di lavorare a distanza e lontano dall'abituale postazione d'ufficio. I posti messi a disposizione dal Comune di Montepulciano, per coloro che decidono di puntare sul telelavoro, sono in tutto otto.



Approvando questa forma di lavoro l'amministrazione cerca di offrire maggiore flessibilità organizzativa, realizzazione di economie di gestione derivanti dalla riduzione dei costi fissi di gestione delle sedi di lavoro e del lavoro in sede razionalizzando così gli spostamenti casa/lavoro-lavoro/casa a beneficio della qualità della vita e promozione del lavoro intellettuale.

Il telelavoro può essere anche un'alternativa all'aspettativa, un modo efficace per dare una risposta all'amministrazione che potrà usufruire di un dipendente anche a distanza. Questo ovviamente non dovrà rallentare il normale svolgimento dell’attività lavorativa.

Proprio per questo motivo rimane obbligatorio il front-office, il regolamento, infatti, prevede un’alternanza tra lavoro a distanza e lavoro in ufficio per le verifiche necessarie per il corretto svolgimento dell’attività lavorativa. Il Comune prevede una frequenza dei rientri in sede lavorativa non inferiore ad un giorno a settimana.

Al Comune di Montepulciano sono già pervenute alcune manifestazioni d’interesse, tanto che negli ultimi due anni l’Amministrazione ha fatto qualche sperimentazione sottoscrivendo poi un regolamento insieme ai lavoratori stessi. Al telelavoro possono essere ammessi i dipendenti che svolgono attività giudicate telelavorabili sulla base di alcuni criteri come la realizzazione dell’output finale che deve essere chiaramente definita, la prestazione deve essere misurata in modo preciso tramite delle scadenze e dei risultati da raggiungere

La verifica dell’adempimento della prestazione sarà effettuata dal responsabile della posizione organizzativa del settore di appartenenza.

Con il telelavoro il lavoratore può sceglie una diversa modalità di prestazione del lavoro che comunque salvaguardi in modo efficace il sistema di relazioni personali e collettive, espressive delle sue legittime aspettative in termini di formazione e crescita personale e partecipazione alla dinamica dei processi innovativi.


© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it