Indietro

'Voucher, forme di abusi ma in altri settori'

Caporalato e voucher sono stati i temi trattati nel confronto tra le varie parti organizzato dall'Unione Provinciale Agricoltori di Siena

VALDICHIANA — "La legge di contrasto al caporalato è nata in un contesto di emergenza perché i dati ci dicevano che i lavoratori coinvolti erano oltre 400mila in Italia e dovevamo intervenire con uno strumento normativo che inasprisse le pene. L’importante era dare un segnale che ha poi portato anche dei risultati significativi andando a colpire non solo indici di sfruttamento ma che attestano sfruttamento in condizioni di bisogno del lavoratore. Sui voucher credo che si dovesse ritornare allo spirito originario e cioè i voucher erano stati pensati per l’agricoltura e per mettere in regola quei soggetti, principalmente studenti e pensionati, impegnati in attività stagionali. Poi c’è stata una degenerazione che ha costretto il legislatore a intervenire contro forme di abusi dei voucher che sono avvenuti in altri settori e non in agricoltura" - con queste parole Luca Sani presidente della commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati apre il confronto sugli aspetti giuridici e normativi tra esperti di settore, istituzioni, docenti accademici, rappresentanti delle organizzazioni di categoria e sindacali grazie all’incontro organizzato dall’Unione Provinciale Agricoltori di Siena. 

"Una normativa che convince appieno nella finalità, il problema è che è una legge nata sull’onda emozionale che rischia di colpire anche aziende che col caporalato e con lo sfruttamento dei lavoratori non hanno nulla a che fare ma che incorrono in qualche lieve mancanza – ha sottolineato Roberto Caponi, Direttore dell’Area Sindacale di Confagricoltura. 

"La legge necessiterebbe dei chiarimenti interpretativi – ha evidenziato Paolo Pennesi, Direttore Generale dell’Ispettorato del Lavoro - indubbiamente gli indici di sfruttamento individuati dai legislatori sono stati formulati in modo troppo ampio aprendo un po’ all’incertezza in particolare per le aziende agricole». 

Al convegno ha preso parte anche Claudia Faleri, professoressa di diritto del lavoro all’Università di Siena: "Fortunatamente in Toscana e in provincia di Siena la realtà è sicuramente favorevole anche grazie al contratto di lavoro stipulato tra le parti nelle scorse settimane e che prevede delle garanzia importanti per i lavoratori rispetto a quelle previste dalla contrattazione nazionale e dalla legge». 

Secondo il presidente di Upa Siena Giuseppe Bicocchi, in provincia di Siena i contratti di lavoro sono rispettati al 99%  ma il settore è in forte crisi e nonostante questo gli imprenditori mantengono i propri dipendenti anche a rischio di rimetterci di tasca propria.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it